Come valutare l’età giusta per prendere un cucciolo di Labrador

Hai deciso di prendere un cucciolo di Labrador?

Benissimo! Se hai letto quello che ti ho scritto nei precedenti articoli, avrai iniziato a contattare gli allevamenti e  fissare appuntamenti per vedere le cucciolate. Sbaglio?

E magari hai chiesto all’allevatore di portare via il cucciolo prima dei 60 gg di vita.

Leggi quello che ho scritto e capirai perché il cucciolo deve essere portato via nel momento giusto: non fidarti di chi vuole dartelo subito senza rispettare i tempi corretti.

Tutti i cuccioli, come i bambini appena nati, hanno bisogno delle cure della mamma, soprattutto nel primo periodo della loro vita.

Quando prendere il cucciolo e poter vivere l’inserimento nella nuova famiglia

Ne ho sentite tante:

  • Lo porto a casa e ve lo riporto per i vaccini!
  • Lo prendo un paio di giorni per coccolarlo e poi ve lo riporto in allevamento!
  • Il mio compagno scende questo fine settimana voglio fargli una sorpresa!

Insomma, di fronte all’entusiasmo e la voglia di poter stringere tra le proprie braccia il cucciolo, per noi allevatori è difficile (ma doveroso) spiegare quali sono le ragioni per cui bisogna aspettare ed avere pazienza.

Ed ora cercherò di farti capire il perché.

Recenti studi hanno dimostrato come esistano, anche nel cane, particolari periodi di sviluppo nei quali i cuccioli sono altamente sensibili agli stimoli ambientali ed esposti a danni permanenti di tipo psicologico, che potrebbero determinarne l’instabilità e il non corretto sviluppo psicofisico.

Anche l’ENCI ha predisposto un codice etico per l’Allevatore così da garantire la corretta gestione del cucciolo.

Ad esempio, potresti trovarti con un cane timido, timoroso o aggressivo verso le persone e gli altri animali.

E pensa che la causa di molti di questi danni va ricercata nell’età in cui i cuccioli sono stati sottratti dalla loro famiglia canina per inserirli in quella umana

Ma veniamo a noi…

Imprinting: cos’è e come riconoscerlo

Imprinting significa “formare nel giovane l’impronta della specie”.

Il cucciolo impara a riconoscere caratteristiche e comportamento dei suoi simili ed a relazionarsi con loro proprio nella fase dell’imprinting, che si sviluppa a partire dalla 4° settimana di vita.

La mamma diventa un punto di riferimento di importanza vitale e qualsiasi tentativo di allontanare i cuccioli provoca in questi uno stato di agitazione e nervosismo che potrebbe influenzarne lo sviluppo comportamentale futuro.

Per cui l’attaccamento alla figura materna è una condizione indispensabile affinché possa instaurarsi nel cucciolo il processo di apprendimento  mediante il quale lo stesso imparerà a riconoscere la mamma o il surrogato di essa, ed a identificare la propria specie.

Solo la mamma (e non tu essere umano) potrà insegnargli con il giusto linguaggio – quello canino – le regole basilari di comportamento con i propri simili ed il modo corretto di relazionarsi con loro.

In questo periodo, per esempio, i cuccioli imparano a dosare la forza del morso: se fanno male a un fratellino giocando, interviene la mamma che gli rifila una sonora sgridata.

Ed è in questa fase che il cucciolo viene rimproverato dalla madre se si azzarda a toccare un oggetto di proprietà di un cane adulto, come un osso o una pallina.

Ma non solo: imparerà che esiste una “distanza di sicurezza”, al di fuori della quale non è il caso di allarmarsi.

I cuccioli che non prendono coscienza di questo concetto potrebbero diventare, da adulti, abbaiatori incalliti che andranno in escandescenza quando un innocuo passante transiterà vicino casa, il che non ne farà degli ottimi cani da guardia, ma dei tremendi e timorosi rompiscatole.

Tutto ciò che il cane apprende in questa fase viene assorbito in modo indelebile dal suo cervello e rimane per tutta la vita!

Il mio consiglio è quello di non prendere mai un cucciolo prima dei 70 – 80 gg di vita.

Il detto “piccolo è bello” va bene, ma “piccolissimo è più bello ancora” è sbagliato! 🙁

Non è vera la diceria che il cucciolo post 70 gg si affezionerà meno di un cucciolo più piccolo, ma è altrettanto vero che sarà un cane psicologicamente “completo”, in quanto avrà attraversato in modo naturale le fasi più delicate della prima maturazione psichica e quindi avrà altissime probabilità di diventare un cane adulto equilibrato e sicuro di sé.

Quanto detto vale se il cucciolo, i primi 70-80 gg di vita, li ha vissuti con la sua “famiglia canina” e non chiuso in una gabbia e semplicemente alimentato. Ma purtroppo, situazioni del genere, esistono.

Considera che, nel caso in cui questo processo di imprinting non sia stato portato a termine correttamente, i problemi caratteriali e di socializzazione del cucciolo li vedrai al suo ingresso in famiglia e mai in allevamento, dove si sente protetto dalla madre e dai fratelli.

Conoscere ed evitare le conseguenze se si prende un cucciolo troppo piccolo

Portarlo via prima dei 70 – 80 gg potrebbe comportare in futuro:

  • iperattività
  • aggressività
  • problemi di apprendimento
  • ansie e paure
  • possessività eccessiva nei confronti del padrone

Per cui ribadisco l’importanza di rivolgersi ad allevatori seri che ti permettano di seguire il cucciolo nella crescita e che non lo strappino precocemente dalle cure materne.

Diffida da chi vuole consegnarti il cucciolo a 35-40 gg  di vita facendoti credere di volerti accontentare!

Oppure chi allontana i cuccioli dalla madre tirando in ballo la scusa che la cucciolata è numerosa.

Una persona così vuole semplicemente sbarazzarsene il prima possibile. E’ vero, un numero maggiore di cuccioli sarà fonte di maggior stress per la cagna, ma questo non vuol dire che lei voglia rinunciare a fare la madre e ad educare i suoi cuccioli.

E poi c’è un altro problema da considerare: quello della vaccinazione.

Il cucciolo non va vaccinato prima dei 50-55 giorni di vita perché il vaccino non ha alcun effetto, siccome sono in circolo gli anticorpi materni. E questo, un allevatore serio, lo sa.

Il rischio di ammalarsi in un ambiente nuovo lo esporrebbe a gravi pericoli per la sua salute.

Cosa fare dopo i primi 70 – 80 giorni di vita

Il cucciolo ora è pronto: può esplorare il mondo e aprirsi a qualsiasi esperienza.

E’ in questa fase che bisogna farlo socializzare con gli altri cani e fargli conoscere nuove cose, oltre che incontrare altre persone.

Insomma, è il momento in cui devi dedicare più tempo al cucciolo, evitare traumi e far si che ogni nuova esperienza sia positiva.

Tutto ciò che apprende in questa fase resterà impresso nella sua memoria, per sempre.

Riassunto

Ora che hai capito quando andare a prendere un cucciolo senza rischiare di causare un trauma per il suo futuro, ti chiedo di condividere questo articolo con chi è interessato ad acquistare un cane o semplicemente per diffondere questa importante informazione. 🙂

Per altro genere di informazioni, come cucciolate in arrivo o consigli, mi trovi all’indirizzo puoi scrivermi all’indirizzo e mail [email protected] o alla pagina Facebook dell’allevamento.

Un abbraccio.

Anna




Call Now Button
WhatsApp WhatsApp us
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: